fare memoria

Ricordare chi ci ha lasciato, chi ha concluso il suo cammino tra noi, può essere un compito doloroso ma è tristemente necessario. L’esperienza della memoria, in questi casi, porta sempre con sé un aspetto oneroso e gravoso; ci costringe a fare i conti con un passato segnato dalla sofferenza e ci obbliga a sentire nuovamente il vuoto di chi non c’è più. Il senso dell’assenza si riaccende, riacquista vigore ed intensità: in queste occasioni la memoria funziona un po’ come il sale sulle ferite. Nonostante gli sforzi per far cicatrizzare la piaga, la memoria riapre la lesione e riaccende il dolore. Essa sa riportare a galla una sofferenza sorda che avremmo preferito lasciare sopita.

Questa fatica del ricordare merita di essere compiuta, è un’opera doverosa e necessaria. Certo, anzitutto, la memoria ci consente di onorare la vita di chi se ne è andato, è un modo semplice ma efficace per rendergli omaggio, per riconoscere il contributo prezioso che quella persona ha dato alla nostra esistenza. È un modo singolare di essere riconoscenti per il legame che ci ha unito e di consentire a questo vincolo affettivo di propagare la sua onda benefica anche sull’oggi.

Nel compito della memoria vi è di più: ricordare è anche tentare di dare significato a quanto accaduto, sforzarsi di cercare un senso al passato che così dolorosamente ci ha segnato. Fare memoria è la fatica di chi sa riconoscere che c’è un filo rosso che ha attraversato la vita della persona che non c’è più; la memoria è di chi non accetta di consegnare la vita di chi ci era caro ad un insipido fluire degli eventi, come una naturale necessità. Ricordare è vivere la certezza e la speranza che ogni vita possiede un suo valore ed è dotata di un senso nel grande e misterioso disegno della Vita.

Fare memoria allora è un po’ testimoniare questo Senso che tutti abita e tutti anima. In fondo è fare emergere il valore di chi ci ha lasciato perché quella vita possa parlare alla nostra vita, perché quel senso ricercato e custodito rianimi la ricerca del nostro senso e la direzione del nostro cammino.

Questo articolo è stato pubblicato sul numero di Giugno di LodiVecchioMese come presentazione della piccola pubblicazione realizzata dalla Parrocchia di Lodi Vecchio in ricordo di don Marco ed Enrica.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...