comunità politiche per guardare al futuro

Prima capitò a Renzi, poi fu la volta di Di Maio ed ora pare toccare anche al “capitano” Salvini: alla rapida ed strepitosa salita al potere, è seguita l’altrettanta repentina caduta in disgrazia. Tanto è veloce l’ascesa del consenso e del prestigio, tanto si mostra vertiginosa la strada della discesa. Tutti parevano imbattibili all’apice del successo, forti e determinati, arditi al limite della prepotenza. Eppure è bastato un rapido cambio dello scenario politico che la fortuna si è mostrata assai meno promettente e certa. Ecco che, ultimo in lista, anche il capitano, circondato da un’aurea di fascino ed invincibilità, è costretto a fare i conti con i primi malesseri che, qua e là, iniziano ad affiorare nel suo schieramento.

È davvero strana questa politica: brucia i propri protagonisti nell’arco di pochi mesi. Lancia nel firmamento della celebrità le proprie stelle, sapendo bene che il loro corso sarà probabilmente assai breve e che la loro corsa terminerà alla prima intemperia. Se qualche decennio fa abbiamo assistito a carriere politiche durate anni, talvolta decenni, veri e propri “regni personali” sui partiti ed istituzioni, ora le cose si fanno assai più volatili e mutevoli. Nascono leadership che non reggono il peso di una stagione politica, leadership talmente deboli che si afflosciano alla prima calura e che si sbriciolano alla prima difficoltà.

La cosa preoccupante è che, insensibili a questa fugacità politica, il circo del potere è già alla ricerca del prossimo astro da lanciare, ben consapevole che anche la sua traiettoria non lo porterà molto lontano. È un meccanismo perverso che “trita” tutto quello che entra nei propri ingranaggi, incurante delle attese e delle aspettative che aveva generato.

È l’ennesima testimonianza, questo almeno a me pare, della crisi della nostra prospettiva storica, della percezione del corso progressivo degli eventi e del senso che è capace di legarli. Viviamo talmente concentrati sull’attimo presente che diviene assai difficile pensare e pianificare il futuro. Non dico il futuro tra vent’anni ma anche quello che va oltre l’anno. E così, in questo eterno presente, tutto brucia come quelle balle di fieno che vediamo nelle nostre campagne: un gran fuoco inziale, fiamme alte e vigorose, un chiarore che illumina tutto, tanto caldo e fumo, ma poi, nel giro di poche ore, non restano che poche ceneri fumanti. Così è anche la nostra politica. Pare che, dopo aver perso il fascino per la costruzione delle cattedrali, ci accontentiamo di qualche baracca di fiume, insicura e malsana.

Come uscirne? Ricette facili non ne esistono, penso… C’è però una strategia, forse non dagli effetti immediati ma di certo utile a lungo termine. Quella di costruire comunità politiche. Occorre uscire dalla referenzialità del singolo per generare comunità capaci di condividere valori e prospettive, direzioni e passo, comunità che sappiano reggere il peso degli eventi, il logoramento dell’immagine e la sovraesposizione dello volto. Forse serve uscire dalla logica del “one-man-show” per accedere ad una dimensione più plurale e partecipativa della politica, meno leaderistica e più comunitaria.

Penso che, come spesso accade nella vita, ne usciremo solo “insieme”, sostituendo ad ambizioni e velleità individuali e un po’ narcisistiche, il senso di una comunità plurale, partecipata ed inclusiva.

Questo il mio editoriale per Il Cittadino del 16 ottobre 2020

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...