divieti

La fatica e la sfida dell’educazione non è, forse contrariamente a quello che si pensa, quello di riuscire a porre dei divieti bensì quella di essere capaci di indicare mete.

La cosa più semplice che saremmo tentati di fare in una relazione educativa è quella di mettere sulla strada della persona di cui ci prendiamo cura, una serie di cartelli di divieti: questo non si fa, questo non si dice, quello non si tocca. Questa tendenza viene declinata in modo diverso in relazione all’età e alla maturità, ma resta questa voce di sottofondo che continuamente ripete “non questo”, “non quello”. Quando si è piccoli questo divieto si traduce nella proibizione a toccare delle cose o a non dire delle parole inopportune; crescendo la proibizione si sposta su altre questioni, come i legami e le amicizie: gli amici da evitare, le compagnie da scansare, le esperienze da cui stare alla larga. Anche nell’alba della maturità non cessa questa censura: la società ed i media ci ricordano tutte quelle cose da cui ci dobbiamo proteggere e difendere.

Sono consapevole del valore e dell’importanza di questi “no”, giacché la capacità di interiorizzare il senso del limite è una componente essenziale del percorso di crescita. Tuttavia nessuno procede su una strada lastricata da segnali di divieto: il viaggio può proseguire se, lungo la via, abbiamo la possibilità di incontrare anche segnali che indicano la direzione, che segnalano la destinazione, che invitano a procedere ed orientano il verso.

Credo che l’indicazione del senso sia uno dei compiti essenziali di qualunque forma di educazione; forse è una cosa ardua, impegnativa e sfidante, soprattutto oggi che viviamo in una liquidità senza forma e senza struttura. Eppure proprio oggi questa esigenza è ancora più rilevante. Proprio la liquidità in cui viviamo genera una tale situazione di volatilità per cui mettere vincoli o limiti è cosa quanto mai ardua e purtroppo inefficace. Forse risulta più saggio trasformare i nostri divieti in corrispondenti indicazione di valore. È bene rinunciare a qualcosa ma solo in vista di un bene più grande e pieno.

In fondo educare non significa prima di tutto indicare qualcosa da cui scappare ma un traguardo verso cui correre.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...