sciogliere gli ormeggi

Essere padri è saper lasciar andare. È maturare quell’arte dolorosa e difficile del congedo, dell’addio, della separazione e dell’allontanamento.

Forse non si diventa mai padri per davvero senza sperimentare sulla propria pelle questo acuto dolore, questo strazio, questa lacerazione, quel sentire che una parte di te, del tuo mondo e dei tuoi affetti se ne sta andando. Egli decide di lasciare casa, “chiede la propria parte di eredità”, sancendo in tal modo la tua “morte simbolica” e l’irrilevanza della tua presenza nella sua vita.

Essere padri è patire impotenti e sgomenti questo trauma. È assistere alla partenza di colui che era stato oggetto della tua cura: lo vedi preparare le valigie, raccogliere le sue cose, ripiegare i suoi vestiti… tutto questo come una fatalità a cui non ti puoi opporre.

La sfida per te, come padre, consiste nel senso che decidi di dare a questo dolore, alla forza che gli permetti di sprigionare nella tua anima. Non nascondiamocelo: provi risentimento, rabbia e frustrazione. Avverti un sentimento di tradimento, come una pugnalata date alle spalle, senza motivo né ragione. L’affetto e l’investimento che avevi fatto reclamano giustizia e riconoscimento e ti accusano di aver perso del tempo, di aver speso inutilmente passioni e cure, giorni e pensieri.

Quel dolore ti sta di fronte come un enigma da sciogliere, come un rebus da risolvere: quell’addio è forse segno del tuo fallimento educativo? Forse testimonia la tua inadeguatezza? Mostra forse che “l’obiettivo è stato mancato”? Racconta di una paternità incompleta?

Oppure quella partenza è per te come un appello ad una Paternità Ulteriore, capace di custodia e cura anche dove tu hai fallito, nonostante tradimenti e disconoscimenti? Non sono queste “partenze dolorose” epifania dell’indole libera e gratuita della Vita, manifestazione della nostra impossibilità ad imbrigliare il suo Spirito vitale, a controllare il suo cammino ed incanalare il suo corso?

Credetemi: non c’è nulla di poetico né di romantico in tutto questo, nessuna facile consolazione né giustificazione.

Ogni addio è sempre uno strappo, un taglio doloroso subito dalla pelle e che lascerà inevitabili cicatrici. Ogni partenza inattesa è come un nuovo inizio, che segna non solo colui che prende il largo ma anche colui che, dalla banchina, osserva, un po’ disorientato, la nave sciogliere gli ormeggi.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...