due papà al parco

Tornado a casa stamattina sono passato dal parco e mi sono imbattuto in un incontro quanto meno singolare: davanti a me vedo due giovani uomini, abbigliamento moderno, jeans strappati portati bassi, maglietta alla moda e capelli corti e ben curati, come si addice a ragazzi di quella età. Ma non era l’aspetto che mi ha incuriosito (giacché assomigliavano a moltissimi altri giovani che stazionano al parco in questi giorni caldi) quanto piuttosto il fatto che entrambi spingevano un passeggino che ospitava il piccolo figlioletto di non più di un anno. Vi assicuro che da dietro la scena era davvero singolare: due giovani papà a passeggio con i figli, due passeggini uno a fianco all’altro ad ingombrare il vialetto del parco, il tutto pareva uscire da una scena di uno di quei film romantici che piacciono tanto a mia moglie.

La cosa era così particolare che ben presto alcune signore anziane hanno fermato i due giovani per complimentarsi dei rispettivi figlioli: era davvero dolce vedere il vanto ed il compiacimento dei due giovani papà alle parole affettuose delle donne e sentirli raccontare particolari della vita dei loro figli come solo dalle mamme ho sentito fare. Percepivi molto orgoglio nelle loro parole, molta fierezza e un sano vanto nell’esibire i loro pargoletti, nel mostrare il frutto del loro amore anche a perfette estranee appena incontrate al parco.

Superando in bici i due papà ed i rispettivi figli ho pensato a quanto amore dovevano provare quei due giovani ragazzoni per i loro piccoli rampolli e come la presenza dei due eredi potesse diventare una fonte non solo di gioia ma anche di pienezza e compimento per la loro vita.

Diventare papà, soprattutto per un giovane del 2019, è davvero una esperienza allo stesso tempo straordinaria e drammatica, esaltante e sfidante: accudire un piccolo ventiquattro ora al giorno, senza pause, assecondando capricci e soddisfacendo le sue molte necessità, è davvero una esperienza che toglie il fiato. Non ti resta più tempo per te stesso, per le tue passioni ed interessi ma sei come quasi completamente assorbito dal quel compito che talvolta appare davvero eccessivo.

Eppure diventare papà regala anche il senso di un compimento, di un traguardo tagliato, di una meta raggiunta. È forse uno di quei pochi momenti della vita in cui ti senti di dire “ecco, adesso basta così!”, giacché sperimenti un senso di compiutezza che ti fa godere la vita a trecentosessanta gradi. Diventare padri non è solo passaggio “sociale” e formale, ma è una soglia che afferisce al valore profondo della tua vita e al significato che dai alle cose. Indipendentemente da ciò che la vita regalerà loro, quei giovani papà non saranno più gli stessi: i due piccoli figli, alloggiati nei rispettivi passeggini, hanno cambiato le loro vite per sempre, che essi lo vogliano oppure no.

Confesso che ho davvero ammirato la serena inconsapevolezza dei due giovani uomini mentre spingevano i passeggini al parco: che bello sarà per loro accorgersi che quei due virgulti, seduti davanti a loro, diventeranno presto l’unica cosa per cui vale la pena vivere..

Un pensiero su “due papà al parco

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...