Ovunque tu vada

È fondamentale mantenere, un giorno alla volta, l’equilibrio tra le piccole cose ordinarie, quotidiane,  e le mete che si profilano all’orizzonte.

Se, per paura della distanza che ti separa da paesaggi bellissimi o da grandi ideali, ti concentri esclusivamente su quello che ti riserva l’immediato, puoi essere efficiente ma perdere il gusto e la speranza che solo larghi orizzonti ti possono offrire, nella tua vita terrena e magari oltre. Così, se per la monotonia dei giorni e la fatica delle lotte quotidiane, ti rifugi dentro speranze e ideali tanto ampi da apparire eterei e retorici, rischi di non gustare più la tazzina di caffè al mattino, quel po’ di speranza che quasi inconsapevolmente sei riuscito a trasmettere, l’abissale e sorprendente profondità di un amore che si prende cura di te in silenzio, o di un’amicizia rimasta fedele nel tempo anche nei giorni più bui.

Cose ordinarie ed eventi eccezionali, gesti abitudinari e sorprese, piccoli passi ripetitivi e avvicinamento alla grande metà: forse l’infinito si nasconde dietro il sorriso sempre nuovo di chi incontri ogni giorno. Riesci a vederlo ancora?”

Gigi Sabbioni, “Ovunque tu vada. Vivere l’essenziale un minuto alla volta“, Edizioni Terre di Mezzo, 2017.

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...