i ministri ed il prigioniero

Non provo alcuna simpatia per Cesare Battisti, oggi estradato dalla Bolivia dopo una lunga latitanza di quasi 40 anni. Anzi devo confessare che la sua spavalderia ed arroganza sono risultate a me, come a molti, assolutamente indigesta: quella baldanza di chi si sente protetto dal potere lo ha reso “indigeribile”, quel suo fare che mostrava superiorità rispetto alla legge italiana non era onestamente accettabile in uno stato di diritto.

E tuttavia non ho particolarmente apprezzato il comportamento dei membri del governo di fronte a questa sacrosanta cattura, sia per le parole che ieri sono state scritte sui social sia per la presenza fisica stamattina della massime autorità del governo all’arrivo del prigioniero. Pareva come se ci si volesse “intestare” questo successo, metterci la faccia per godere del successo mediatico dell’operazione. Mi si permetta di dire, anche se fuori dal coro, che questo è inadatto ad uno stato di diritto.

Lo stato non fa vendette, né fisiche né mediatiche. Lo stato combatte il crimine con la sola legge del diritto e punisce le violazioni secondo i principi di giustizia, sanciti dalla costituzione. Non esistono ritorsioni o rappresaglie. Lo stato non si abbassa a queste cose anche perché, per quanto antipatico e deplorevole, il condannato resta un uomo a cui va garantita la dignità ed il rispetto.

E questo vale non solo per lo stato come “entità astratta” ma anche per i servitori dello stato che della istituzione diventano rappresentanti e garanti. Ecco allora che vedere il nostro ministro dell’Interno e quello della Giustizia assistere compiaciuti a fondo pista all’arrivo di un prigioniero mi è parsa una cosa “sopra le righe”, inopportuna per chi svolge un ruolo così delicato.

Questa continua sovraesposizione mediatico, per cui tutto diviene spettacolo, tutto è motivo di propaganda, tutto utilizzato per raccogliere qualche like su facebook è qualcosa che non amo e che mi pare una degradazione dell’ethos democratico. Talvolta una maggiore reticenza farebbe bene a tutti.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...