la campagna dall’alto

Ho notato un particolare curioso ieri durante la fase di atterraggio del mio volo di rientro su Malpensa. Mentre scendi di altitudine e ti avvicini alla terra inizi a scorgere le case sotto di te: è davvero uno spettacolo affascinante! Intravedi dapprima dei puntini colorati di marrone dentro una macchia uniforme di verde o color pastello. Poi, man mano, individui i tetti e le costruzioni sotto, i cortili, le strade, le piazze, i campanili e le rotonde. È davvero un punto di vista suggestivo ed assai inusuale guardare le cose “dall’alto”. È solo così che comprendi la disposizione spaziale degli edifici, la loro collocazione all’interno dell’ambiente naturale, accanto a fiumi, a laghi o a via di comunicazione. È come se apparisse sotto i tuoi occhi una carta geografica vivente, talmente reale che riesci ad intravedere movimenti e spostamenti.

Ebbene, c’è un particolare che colpisce in questa singolare vista della pianura lombarda: la presenza diffusa di cascine, corti, casolari e fattorie. Quando ti sposti sulle strade fatichi a comprenderne la numerosità a la diffusione. C’è davvero una sorta di “presidio” del territorio esercitato da queste costruzioni: ogni casolare, seppur isolato, è circondato da campi e culture che a lui afferiscono ed è idealmente connesso a quello di fianco, lontano poche centinaia di metri. È come se scorgessi un reticolato di cascine che sorvegliano le nostre terra e che, come miti custodi, ne tutelano il patrimonio.

Ma vi è una dettaglio ulteriore e forse ancor più decisivo: questi piccoli presidi di “umanità” nella terra lombarda, hanno sempre la forma di una comunità, di una corte, di una raggruppamento collettivo e sociale. Questa cura del territorio non avviene per iniziativa di singoli ma di comunità umane, di gruppi familiari e sociali che, prendendosi cura l’uno dell’altro, estendono questa cura alla campagna che vive attorno a loro. Ed è palese questo aspetto: tutte le costruzioni “antiche” conservano un forma in qualche modo “circolare”: ci sono case costruite attorno ad un cortile comune, ad un aia, ad una piazza o ad una chiesa. Le case più moderne le riconosci per la loro disposizione “a schiera”, come abitazioni isolate e poco interconnesse.

È affascinante ed istruttivo guardare la terra dall’alto: la lontananza e la singolarità del punto di vista ti permettono di riconoscere cose che ci sono talmente vicine da non attirare più la nostra attenzione.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...