seno e coseno

Qualcuno dice che la vita di coppia a volte rischia di assomigliare a due rette divergenti: ciascuno va per la propria strada e si allontana lentamente ma costantemente dall’altro.

È vero…può accadere. Ma ho l’impressione che la vita a due corrisponda di più alla complessa sovrapposizione del funzione seno e della funzione coseno. Non so se siete esperti di trigonometria ma la funzione seno è una specie di funzione “ondulatoria” che varia armoniosamente tra lo zero, l’uno ed il meno uno, con intervalli costanti e regolari in cui riprende i propri valori. È una specie di percorso come le montagne russe: si parte, si sale fino ad arrivare all’apice e poi si comincia a scendere fino a giungere ad un avvallamento, per poi risalire nuovamente al livello del suolo. Il tutto con una precisione millimetrica di salite e discese. La funzione coseno è una funzione “gemella” di quella seno, con la differenza che quando la funzione seno è a zero, lei è a uno, quando il seno è a uno lei è a zero e così via. Insomma l’una segue l’altra con lo stesso andamento ma mai condividendo gli stessi apici e gli stessi avvallamenti.

Non funziona un po’ così anche tra due persone che si amano? È assai difficile che si riesca a condividere, nello stesso istante, i momenti “top” e quelli “down”: capita che uno sia euforico per un successo e l’altro amareggiato per una sconfitta; l’uno entusiasta per una vittoria e l’altro demoralizzato per un insuccesso. L’uno è in cima mentre l’altro a livello terra; l’uno precipita in un avvallamento proprio quando l’altro sente l’ebrezza della salita. È un mistero questo andamento ondulatorio delle vite, questo oscillamento che ti fa sperimentare altezze e profondità, entusiasmi e delusioni, tutto con delle coincidenze che suonano stravaganti.

Non serve lamentarsi o recriminare: la vita insieme va così, seguendo logiche che sfuggono alla precisione trigonometrica.

Come fare allora sopravvivere a queste ancestrali dissintonie, a questi iati che si creano proprio con le persone che amiamo? Difficile da dirsi… Io con il tempo ho scoperto una cosa: che occorre molta pazienza per scoprire che ogni istante, seppur brutto e doloroso, è abitato da una bellezza che ci precede e che, spesso, è difficile da svelare. Tuttavia è lì, e quando la tempesta passa, essa affiora con spontanea naturalezza. Serve pazienza e fortezza per non fuggire da questi avvallamenti fastidiosi, da questi tempi di scoraggiamento e delusione. Abitare questi momenti è saper concedere loro la possibilità di portare cose buone alla nostra vita, anche quando può sembrare impossibile.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...