addii e arrivederci

È proprio strana la vita: ci si avvicina e ci si allontana, ci si incontra e ci si separa, si condivide un pezzo di strada insieme e poi le traiettorie divergono e ci si perde di vista. Accade talvolta che questi addii diventino degli arrivederci e che le direzioni tornino ad incrociarsi e a farsi tangenziali.

Sono davvero un mistero i nostri legami; c’è una magia negli incontri che facciamo, nelle persone che diventano compagni di viaggio e in coloro che condividono un pezzetto della nostra esistenza. Mi stupisco sempre della straordinaria trama che la vita è capace di tessere con i nostri legami: come un abilissimo tessitore, essa sa incrociare fili che a primo acchito paiono come scombinati, ma che, se le concedi il tempo di terminare l’opera, sanno comporre forme perfette.

Ci sono così persone che sono salite a bordo del vagone della nostra vita, facendo con noi un tratto di strada. Poi, per qualche strana ragione, sono scese ad una delle successive stazioni: a volte per prendere un’altra direzione, altre volte per interrompere momentaneamente il viaggio, altre volte ancora perché incuriosite da altre destinazioni e mete. E così la strade si separano e ciascuno prosegue il proprio viaggio da solo o in compagnia di altri passeggeri saliti nel frattempo.

Ma la cosa meravigliosa è che, quando meno te lo aspetti, accade l’insperato: tutto d’un tratto ritrovi quegli stessi volti nuovamente seduti accanto a te. Queste persone riappaiono proprio così come sono sparite, con la medesima singolare naturalezza. E, quasi come se nulla fosse successo, riprendi il viaggio insieme. In realtà il nuovo incontro non è mai una semplice prosecuzione del tragitto precedente: il tempo che ciascuno ha trascorso da solo ha cambiato ed arricchito la vita, ha lasciato segni e cicatrici, appuntato medaglie e riconoscimenti, sicché nulla è esattamente come prima.

Ma tutto questo non spaventa: non è poi così male ritrovarsi un po’ diversi e un po’ cambiati, giacché tutto questo dona colore e curiosità al viaggio che stai facendo.

La vita è davvero strana: ti riserva sempre incontri imprevedibili, gente che arriva e gente che parte, gente che entra e gente che esce gente, che ti lascia e gente che ti riprende, in un girotondo senza fine.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...