In viaggio – 5

Memoria e dimenticanza

Una cosa che mi affascina e mi meraviglia di ogni viaggio é quello strano equilibrio che si instaura tra l’esperienza del ricordare e quella del dimenticare.

Si viaggia anche per lasciare i soliti pensieri e le solite preoccupazioni, per prendersi un po’ di tregua dalle usuali incombenze e per sperimentare quella benedetta leggerezza che ogni viaggio porta con sé.

Eppure in questa strana “bolla esistenziale”, che é ogni viaggio, pare che i ricordi riaffiorino con particolare vigore ed insistenza. Addirittura emergono cose a cui non pensavi da tempo e che erano ormai scivolate nel ripostiglio del cervello.

Ma ecco che il viaggio funziona come una calamita per i ricordi più pesanti, ossia quelli che, essendo così ingombranti ed importanti, sono finiti sotto tutto, sommersi dalla pila di altri pensieri che li hanno sovrastati.

Ti ritrovi così a pensare a cose a cui da tempo non prestavi attenzione o a riflettere su dettagli che ti erano sempre sfuggiti o che avevi rimosso.

Il viaggio vive di questa singolare dinamica di memoria e dimenticanza, di cose che scompaiono e di cose che ritornano, di pensieri e parole che cedono la scena ad altri che risuscitano dal passato, come indelebili tracce mnestiche.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...